facebook  twitter  instagram hiphoprec  google +  vimeo  YouTube  rss

Menu
  • Categoria: Recensioni
  • Scritto da Luca

Achille Lauro - Ragazzi Madre (recensione)

achille_lauro_ragazzi_madre

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Se conoscete un minimo la storia di Achille Lauro, sarete d’accordo con me nel simbolicamente paragonarla ad una giostra, le montagne russe. Prima la povertà, lo spaccio e il disagio di una vita travagliata. Poi la firma con Roccia Music. L’amicizia con Marracash. "Dio c’è". Un tour di successo e le prime rivincite. Tutto sembra andare a gonfie vele, ma qualcosa non va. Achille si crea un personaggio, inizia a indossare indumenti femminili, approccia una scrittura più rivolta al puro entertainment. La nuova immagine diventa subito di moda, a tal punto da oscurare il background artistico che Lauro con fatica aveva creato in un disco impeccabile. Questa situazione è amplificata dai discutibili gesti di cui Achille si rende attore durante alcune date. Insulti al pubblico ed uno schiaffo creano un’immagine sbagliata dell’artista che inconsciamente si trova a dover gestire un personaggio che più non gli appartiene. La conseguenza è l’uscita da Roccia Music e la necessità di ripartire dalla musica.

Achille sa cosa deve fare. L’idea è semplice e nasce da un’esigenza. Rompere gli schemi in cui si era auto-intrappolato. I social vengono messi da parte e dopo alcuni mesi di calma piatta, esce "Ragazzi Madre".

L’album, interamente prodotto dall’amico Boss Doms, riflette il bisogno di Achille Lauro di essere un’artista a 360°. Necessità che porta il progetto a mischiare sonorità rap, pop e trap affrontando temi street sia con un tono crudo e schietto, sia con un tono più leggero ed ironico. La conseguenza è che nell’album coesistono tracce contrastanti ma allo stesso momento simili come “Ragazzi Madre” ed “Amico del Quore”, oppure che tracce hip hop come “CCL” e “Latte in polvere” vengono alternate a pezzi soft pop come “Amore e Grammi” ed “Ascensore per l’infermo”.

"Ragazzi Madre" è anche sperimentazione. Achille utilizza dei brani prequel per introdurre l’ascoltatore nel mood della traccia, creando un’atmosfera musico-cinematografica.

Il risultato del lavoro è un album con tantissime sfumature e sonorità variegate che, a primo acchito, potrebbero far risultare il tutto un po’ confusionario, ma comprensibili se ci si immedesima nella sua ritrovata necessità di ribadirsi artista completo, rapper e pop star allo stesso tempo.

Così come Achille Lauro nasce per la necessità di salvarsi dal contesto urbano che lo stava schiacciando, "Ragazzi Madre" nasce e si conclude per un’esigenza. Quella di essere se stessi.

 

Luca Brunetti
Author: Luca Brunetti
"Io non lo so, io solo so che sono" (Izi)

Achille Lauro - Ragazzi Madre (recensione) - 4.8 su 5 basato su 10 reviews

tu cosa ne pensi?

notizie che potrebbero interessarti

Log In

Log in with Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?